Newsletter

Consolare gli afflitti Chiara Mantovani

Chi sono gli afflitti? Quali afflizioni colpiscono oggi l’uomo? Quali le più dolorose? E dunque quali le più urgenti da consolare? Si piange per ciò che non si ha ancora o non si ha più, ovvero per ciò che si

Pubblicato in Newsletter
Newsletter

Perdonare le offese Maurizio Faggioni

Prendersi cura dell’altro nelle sue necessità, dargli da bere nella sua sete o dargli da mangiare nella sua fame o vestirlo nella sua nudità, consolarlo nel suo dolore o consigliandolo nei suoi dubbi, tutto questo è bello, attraente e rispondente

Pubblicato in Newsletter
Newsletter

Sopportare pazientemente le persone moleste Emanuela Vinai

Sopportare pazientemente le persone moleste ai più non sembra un’opera di misericordia, ma un esercizio d’uso quotidiano. Paradossalmente, sembra persino la più facile da seguire. Non c’è bisogno di prodursi in qualcosa di attivo come visitare infermi o carcerati, oppure

Pubblicato in Newsletter
Newsletter

Pregare Dio per i vivi e per i morti Giacomo Samek Lodovici

Ci sono diversi tipi di preghiera e quella di questa opera di misericordia spirituale è la preghiera di intercessione, che la mentalità moderna tende non di rado a criticare, sia perché influenzata da una certa qual presunzione irrealistica di autarchia

Pubblicato in Newsletter
Newsletter

Dar da mangiare agli affamati Emanuela Lulli

Misericordia è amore che si china sulla miseria e sulla povertà umana, e ciascuna situazione di povertà è per noi cristiani un “chairòs” di misericordia. La società moderna tecnico-scientifica ha indubbiamente prodotto benessere e ricchezza ed ha tolto all’uomo tante

Pubblicato in Newsletter
Newsletter

Dar da bere agli assetati Maurizio Calipari

L’esperienza del Giubileo straordinario della Misericordia continua a coinvolgere ogni giorno migliaia di credenti, in tutto il mondo. E tra i possibili mezzi – suggeriti direttamente da Papa Francesco – a cui ricorrere per vivere in modo più autentico e

Pubblicato in Newsletter
Newsletter

Vestire gli ignudi Daniela Notarfonso

La persona è una uni-dualità di corpo e spirito, come dice Giovanni Paolo II, che vede nella corporeità l’espressione visibile della sua realtà complessa; il corpo è il luogo in cui e attraverso cui la persona prova sensazioni ed emozioni,

Pubblicato in Newsletter
Newsletter

Alloggiare i pellegrini Paolo Marchionni

L’opera di misericordia corporale che qui prendiamo in considerazione trae il suo fondamento dalle parole di Gesù: “Ero forestiero e mi avete ospitato”. È immediato per noi oggi pensare a come poter declinare la ospitalità del forestiero, dello straniero: è

Pubblicato in Newsletter
Newsletter

Visitare gli infermi Dario Sacchini

Tra le sette opere di misericordia corporale, “visitare gli infermi” assume un rilievo tutto particolare, dal momento che farsi prossimo a chi soffre rappresenta un modo profondo ed emblematico di avvicinarsi, con espressione di Papa Francesco, alla carne viva e

Pubblicato in Newsletter
Newsletter

Visitare i carcerati Luciano Eusebi

Il verbo è impegnativo. Richiede disponibilità a un incontro personale con chi è giudicato responsabile di un ferita nei rapporti interpersonali e sociali. Certo, la misericordia è fatta di gesti concreti: il carcere sarebbe ancor più drammatico, soprattutto per chi

Pubblicato in Newsletter