*****************

Scrivi a segreteria@scienzaevita.org per richiedere il programma definitivo del Convegno Amore & Vita che si terra a Roma il 23-24 maggio prossimo.

**********************

Comunicato n° 137 del 11 Aprile 2014

SCIENZA & VITA: NON ASPETTIAMO UN'ALTRA MORTE
SI SOSPENDA LA SOMMINISTRAZIONE DELLA RU486
“Il caso doloroso di Torino, con la morte della giovane madre di famiglia a seguito di aborto con la pillola RU486, dovrebbe indurre a una seria riflessione anche i più scettici sul tema, perché non è accettabile che si persegua un’ideologia sulla salute delle donne”, commentano Paola Ricci Sindoni e Domenico Coviello, presidente e copresidente nazionali dell’Associazione Scienza & Vita.

“Da tempo denunciamo i rischi di una procedura abortiva presentata come innocua e che invece ha al suo attivo molti casi documentati di decesso e di serie complicanze. Ragioni mediche, non solo etiche, sconsigliano l’uso di questa pillola i cui terribili effetti sulle donne che ne hanno fatto uso sono stati ampiamente resi noti”.

“Indipendentemente dal singolo caso, e in attesa comunque dei risultati dell’autopsia, sarebbe opportuno sospendere la somministrazione del prodotto per verificarne la sicurezza ed evitare altri esiti drammatici. Da parte nostra, sottolineiamo ancora una volta le criticità e incongruenze che hanno portato all’introduzione della RU486 nel nostro Paese e invitiamo le istituzioni a considerare una moratoria nell’uso”.

 

************

Comunicato n° 136 del 09 Aprile 2014

SCIENZA & VITA: CADUTO IL DIVIETO ALL’ETEROLOGA
AVANZA LA BABELE PROCREATIVA

“Con la sentenza della Corte costituzionale, che travalica la funzione politica del Parlamento su temi complessi che riguardano la società civile e i propri modelli di riferimento culturali, prosegue lo smantellamento progressivo a mezzo giudiziario della legge 40. Una normativa forse da rivedere dopo dieci anni, ma che ha avuto il merito di porre un quadro di riferimento scientifico ed etico in tema di procreazione assistita”, commentano Paola Ricci Sindoni e Domenico Coviello, Presidente e copresidente nazionali dell’Associazione Scienza & Vita.

“In tal modo si apre un inesorabile vuoto normativo che prelude al ritorno a quel far west procreatico che in questi ultimi dieci anni era stato possibile contenere. Con la cancellazione del divieto di fecondazione eterologa viene legittimata ogni pratica di riproduzione umana, con il solo pretesto che tutti, comunque, hanno diritto a veder garantiti i propri desideri. La cultura giuridica si rimette in tal senso al dominio della tecnoscienza, legittimandone lo strapotere. Questa sentenza apre inoltre lo scandalo del mercato dei gameti: nessuno garantisce che non avverrà - come già ora all’estero - con lo sfruttamento di chi si trova in difficoltà economiche”.

“Una sentenza nel solco di quella pronunciata ieri in materia di utero in affitto e che, anche in questo caso, rimette in questione i capisaldi della civiltà occidentale al cui interno l’esperienza della trasmissione della vita viene segnata dall’accoglimento del dono senza la pretesa di determinarlo in modo spersonalizzante. In questo modo invece non vi è riguardo per i diritti dei bambini, chiamati al mondo a tutti i costi in virtù di un non identificato ‘diritto alla genitorialità’ ”.


************

Comunicato n° 135 del 26 Marzo 2014

SCIENZA & VITA: SALUTIAMO CON GIOIA E GRATITUDINE
LA NOMINA DI MONS. NUNZIO GALANTINO

“Apprendiamo con gioia e gratitudine la nomina di Mons. Nunzio Galantino a Segretario Generale della Conferenza Episcopale Italiana per il prossimo quinquennio” dichiarano Paola Ricci Sindoni e Domenico Coviello, presidente e copresidente nazionale dell’Associazione Scienza & Vita.

“L’instancabile testimonianza sociale di Mons. Galantino in una terra difficile e complessa, la sua esperienza umana e pastorale, unite alla difesa, la tutela e l’affermazione della dignità di ogni essere umano, rappresentano per tutti noi un segno autorevole di fiducia e guida per le attività future”.

“Porgiamo al Segretario Generale della Cei i nostri più fervidi auguri di buon lavoro, nella certezza di proseguire un cammino comune di servizio e di condivisione”.

*************

Comunicato n° 134 del 18 Marzo 2014

SCIENZA & VITA: CONFRONTO SUL FINE VITA SIA SERENO E NON PREGIUDIZIALE
SEMPRE DALLA PARTE DEI MALATI E DEI DISABILI GRAVISSIMI
“Raccogliamo volentieri l’invito del Presidente della Repubblica a un confronto sereno e non pregiudiziale sul fine vita: in questi anni abbiamo continuato a tenere alta l’attenzione sul tema promuovendo convegni, incontri e dibattiti per difendere i più fragili dall’arbitrio della società dei sani” commentano Paola Ricci Sindoni e Domenico Coviello, presidente e copresidente nazionali dell’Associazione Scienza & Vita.

“Il dibattito prepolitico, incentrato sui possibili dettati di una buona legge in materia, non può prescindere da elementi fondanti quali l’alleanza terapeutica tra medico e paziente, la previsione di alimentazione e idratazione come sostegni vitali, il rifiuto di ogni accanimento sproporzionato. Soprattutto però, non può sottrarsi dal caposaldo di ogni democrazia: la tutela dei più deboli dagli abusi del sistema. L’opzione eutanasica non può essere intesa come scelta di libertà, ma piuttosto come il segno doloroso dell’emarginazione del singolo e della resa a una società dello scarto che preferisce eliminare anziché accompagnare”.

“Invece di promuovere la soluzione definitoria dell’eutanasia, occorre potenziare la rete delle cure palliative per fornire una risposta concreta alla sofferenza e al dolore, incrementando adeguatamente le risorse per la ricerca scientifica e il sostegno alle famiglie. Per mantenere aperto il dialogo sul fine vita, è necessario dare voce anche ai malati, alle famiglie e alle associazioni e a tutti coloro che in varie forme, negli ospedali e nel servizio di assistenza domiciliare, si prendono cura dei pazienti, bisognosi di sostegno e di rispetto, più che di ‘pietose’ decisioni”.

************

Comunicato n° 133 del 14 Marzo 2014

SCIENZA & VITA: C’E’ UNA NUOVA E PRETESTUOSA OFFENSIVA
PER DELEGITTIMARE IL DIRITTO ALL’OBIEZIONE DI COSCIENZA

“E’ in atto in questi giorni una nuova e rabbiosa offensiva contro il diritto all’obiezione di coscienza, messa in atto con l’uso strumentale di fatti avvenuti anni fa e ampiamente smentiti dalla documentazione fornita dall’ospedale interessato” dichiara Paola Ricci Sindoni, presidente nazionale dell’Associazione Scienza & Vita.

“Sulle diverse piattaforme mediatiche si moltiplicano duri attacchi ai medici obiettori, con lo scopo di marginalizzare e demonizzare la loro scelta, rimettendo in discussione ciò che è base fondante di ogni democrazia: il diritto di opporsi a un atto che ferisce la propria coscienza. E’ la stessa Legge 194 a riconoscere questo diritto e il sempre più elevato numero di operatori sanitari che vi ricorre, a meno di non voler credere che la ginecologia sia professione scelta solo da cattolici praticanti, denota non una scarsa affezione al lavoro, ma piuttosto una più alta consapevolezza del valore della vita e della responsabilità del proprio operato”.

“L’annuale Relazione sulla Legge 194, presentata al Parlamento, ha dimostrato con cifre puntuali e dati verificabili come il numero di interruzioni volontarie di gravidanza a carico di ogni non obiettore sia in realtà molto basso e pari a circa 2 interventi a settimana. Le polemiche pretestuose, che montano da più parti riguardo a una carente applicazione della legge, sono dunque frutto di una volontà ben precisa di accanimento forzoso per delegittimare l’operato di tutti coloro che, coerentemente con quanto previsto dal giuramento d’Ippocrate, preferiscono salvare una vita piuttosto che porvi fine”.

 

**********

Comunicato n° 132 del 13 Marzo 2014

SCIENZA & VITA: UN ANNO CON PAPA FRANCESCO
TESTIMONE VIVENTE DEL VANGELO DELLA VITA
“E’ passato un anno dall’elezione di Jorge Mario Bergoglio al Soglio Pontificio ed è stato un anno ricco di speranza e di umanità, vissuto all’interno di un rinnovato percorso pastorale che si è aperto al mondo e che interpella credenti e non credenti nella comune ricerca del Bene e del Vero”, dichiarano Paola Ricci Sindoni e Domenico Coviello, presidente e copresidente nazionali dell’Associazione Scienza & Vita.

“Ringraziamo Papa Francesco perché ogni giorno insegna, con gesti e parole, come si possa coniugare nella misericordia la prospettiva dottrinale con la dimensione molto umana della consolazione. Accogliere, soccorrere, aprirsi a quanti chiedono gesti di conforto e di sostegno: in questa quotidiana e smisurata preghiera, il Papa si fa testimone vivente della bellezza del Vangelo della vita e ci esorta a camminare con lui, in un percorso segnato dalla relazione che si fa prossimità”.

************

Comunicato n° 131 del 07 Marzo 2014

SCIENZA & VITA: OGNI GIORNO VISSUTO
SIA L’8 MARZO PER TUTTE LE DONNE
“Dedichiamo questo 8 marzo a tutte le donne che nell’ambito della professione, della politica e soprattutto della vita quotidiana, portano il fermento del loro pensiero positivo e creativo in ogni attività”, dichiara Paola Ricci Sindoni, presidente nazionale dell’Associazione Scienza & Vita.

“Non si deve cadere nella tentazione di conf