SCIENZA & VITA: DAL PAPA PAROLE FORTI E PREZIOSE SUL DIRITTO-VALORE ALL’OBIEZIONE DI COSCIENZA

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

“Sono parole forti e preziose quelle pronunciate da papa Francesco sabato davanti ai medici cattolici, segnali indicatori chiarissimi della direzione da tenere quando si parla di difesa della vita dal concepimento alla morte”, commentano Paola Ricci Sindoni e Domenico Coviello, Presidente e copresidente nazionali dell’Associazione Scienza & Vita.

“Il Papa mette in guardia contro la dittatura del desiderio che rende un figlio un prodotto e contro la falsa compassione di chi spaccia per un bene quello che non lo è: la soppressione della vita. ‘Non è un problema religioso, né filosofico, è un problema scientifico: lì c’è la vita umana’ ha detto Francesco, riportando tutto alla radice vera del problema relativo all’embrione: non si tratta di cellule qualsiasi, ma di un essere umano, unico e irripetibile, di cui non è lecito decidere il destino. In questo senso anche la selezione preimpianto, l’aborto e l’eutanasia non sono mai terapie, ma eliminano il problema con l’ammalato”.

“Il diritto all’obiezione di coscienza del personale sanitario si conferma un diritto incoercibile e un valore personale, poiché nessuno può essere forzato a cooperare a un atto che, responsabilmente, è per lui eticamente inaccettabile. Garantire un servizio da parte di uno Stato laico, non vuol dire obbligare qualcuno a compiere azioni che si sanno irreversibili e nocive. Moltissimi medici, infermieri, farmacisti operano ogni giorno quelle ‘scelte coraggiose e controcorrente’ che costano loro l’ostracismo dei media e l’accanimento di chi vorrebbe l’imposizione del pensiero unico. Ci auguriamo che le parole del Papa possano essere di sostegno per tutti loro, e di riflessione per chi fa più fatica a riconoscere che la vita è un bene da custodire”.

image_pdf
facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Pubblicato in Comunicati Stampa