Liberi per Vivere

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Del dibattito, acceso e duro, scaturito all’indomani della morte per eutanasia di Eluana Englaro, ci rimangono, nella memoria individuale e collettiva, almeno due tracce.
La prima legata a quell’evento personale, che ha visto nel dibattito pubblico la presenza di due figure, un padre e una figlia gravemente ammalata: l’uno motivato con rigore a spiegare le ragioni della sua scelta, volta a ricercare legittimità giuridica alla fine provocata di Eluana; l’altra, immagine muta, a noi restituita dall’immediatezza di una foto lontana, che la ritrae sorridente e piena di vita, simbolo universale della fragilità della condizione umana. Più di ogni altra evidenza, il legame di queste due storie scolpisce ancora i tratti di una complessa questione, che vede al suo interno intrecciarsi motivazioni profondamente umane, giustificazioni che debbono essere declinate sul piano ideologico e culturale, oltre che richieste di una attenta disciplina legislativa. È su questo terreno spinoso che anche oggi continuiamo ad essere immersi
– questa la seconda traccia – in attesa di una prossima legge sulle Dichiarazioni anticipate di trattamento (DAT), su cui si è impiantato un ricco e articolato dibattito
culturale che costituisce il cuore di questo Quaderno. Nessun desiderio di disegnare a tinte forti e intolleranti le ragioni del rifiuto all’eutanasia in tutte le sue forme, quanto l’esigenza di offrire un deposito di riflessioni e di esperienze che la questione del “fine-vita” ancora suscita e che ha trovato il suo terreno di coltura nell’iniziativa nazionale “Liberi per Vivere” che la nostra Associazione ha promosso, sin dal 20 marzo 2009, con una campagna di sensibilizzazione che è durata sino alla fine di quell’anno.

image_pdf
facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Per scaricare il file allegato, è necessario effettuare il login:
Login
Se non sei ancora registrato, clicca qui: Registrami
Se hai perso la password clicca qui
Pubblicato in Per capire di più, Quaderni gato con: